mercoledì 18 dicembre 2013

giudizi....ovvero "torna con il tuo scudo o sopra al tuo scudo"

Anni fa pensavo di non volere figli.
Ero giovane, inesperta, ambiziosa e non avevo trovato una persona che volesse farne e con cui, soprattutto, volessi farne io.
Poi le cose sono andate come sono andate e ne ho fatti addirittura due.
Maschi.
Circostanza che di questi tempi, almeno da queste parti, sembra essere un'aggravante.
Non è andata male, tutto sommato, dire che sono felice di avere cambiato opinione non rende nemmeno vagamente idea di ciò che provo.
Però.
Però da quando i nani sono cresciuti e vanno a scuola alcuni aspetti negativi dell'essere genitore sono venuti fuori.
Il fatto è che io, piuttosto spesso, non mi sento in linea con il pensiero comune, con quello che si suppone pensi e faccia una brava mamma.
Attila, per dire, è piuttosto permaloso, egocentrico, vagamente vittimista, uno di quei bambini che ci mette poco a sentirsi escluso.

Ovviamente lo prendono in giro, anzi ovviamente lui ed i suoi compagniucci si sfottono a vicenda, chè, sia chiaro, la sua parte la fa senza problemi è subire che non gli piace.
Io lo trovo normale.  
Mi sta pure bene che ci soffra un po'.
Non riesco ad aderire all'impostazione generale secondo al quale ogni sfottò è un comportamento grave, ogni accento su un difetto, una particolarità, un errore, una sciatteria, un atto di bullismo da reprimere severamente. 
Io voglio che impari fin da subito che sarà sempre giudicato.Voglio che capisca che lo giudicheranno per ciò che fa, per ciò che è ed anche per ciò che penseranno lui sia o faccia.
Voglio anche che sappia che quando gli diranno che non lo giudicano, ma si limitano a valutare solo i suoi comportamenti, staranno solo adottando un più civile metodo di comunicazione, metodo che farà bene a fare suo rapidamente, perchè è giusto ed urbano, ma sempre e solo metodo è.
Hai voglia, infatti, a dire che trovi scorretto il comportamento di chi si infila le dita nel naso, si pulisce la bocca con la tovaglia o emette flatulenze a lezione, poi però, le metti in fila e mi fai sapere se Tizio è o no, a tuo parere, un bel maleducato.

Voglio che capisca ora che è piccolo che a volte lo giudicheranno correttamente, a volte sbaglieranno e che ci sarà pure chi lo farà in mala fede.
Voglio che impari a sottomettersi al giudizio altrui.
Voglio che impari ad accettarlo ed a sopportarlo.
Voglio che impari a ribellarsi ai giudizi che gli sembrano sbagliati, ma soprattutto che sappia fregarsene.

Voglio che prenda consapevolezza che anche lui giudica e come tutti, sbaglia, ci azzecca, a volte guarda con un occhio solo e pure miope, strabico e prevenuto.
Voglio che impari a giudicare se stesso e gli altri dai giudizi che lui stesso e gli altri daranno.
Voglio che diventi un uomo e non un ameba senza pseudopodi.
E così, per oggi, da Sparta è tutto

lunedì 16 dicembre 2013

perchè Natale quando arriva arriva


Questo fine settimana è stato ...tipico.
Il tipico fine settimana da "arrivo del Natale".
Abbiamo finalmente accontentato i nani che premevano per fare l'albero dal canonico 8 dicembre ed io, siccome la mia vena kitsch dà il meglio di sè in questo periodo, ho esagerato come al solito.
Sabato mattina abbiamo gironzolato senza costrutto mentre loro, i nani, si godevano una storia animata con annesso laboratorio "creativo" nella biblioteca del paesello.
Domenica abbiamo guardato un film, tutti insieme sul divano, copertina sulle gambe e camino acceso, e poco male se io i Croods comincio a tollerarli più o meno come le meduse nel mare sotto la canicola di ferragosto.
Ci siamo soprattutto, persi in una fantastica e collettiva chiacchierata su face time con lo zio, sbarcato da poco oltreoceano e nonostante la mancanza, ci siamo crogiolati nel suo successo.
Successo in cui, noi, non entriamo affatto, ma di cui siamo orgogliosissimi.
Tanto da linkarlo anche qua.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=185124411682329&set=a.124854421042662.1073741829.100005543134786&type=1

Torna presto però, chè lo sai, qua c'è chi ti aspetta. 

mercoledì 11 dicembre 2013

lavoro...farci l callo

Sono qui nella mia scatoletta, affiancata a tante altre scatolette, nel traffico del mattino.
Sono qua, nel mio bozzolo caldo, con la radio accesa.
Mi dirigo verso il sole, ma stamani non trovo conforto nella sua luce, perchè una nebbia inusuale lo fa assomigliare ad una grossa compressa di aspirina che si scioglie mussando nel latte (uno schifo, in effetti).
Diligentemente incolonnata, aspetto che compaia all'orizzonte la mia meta, le guglie e le torri del monolite in cui, come una zanzara a Gotham city, trascorrerò le prossime ore.
Sono nervosa, ho un fascicolo enorme, un faldone da venti chili che non porterò con me, perchè sarebbe chiaro indice della mia tensione per gli occhi di avversari a cui non voglio e non posso concedere appigli, tanto meno appigli psicologici.
Appena parcheggiato, estrarrò i documenti indispensabili, li rinunirò in un, falsamente incurante, uso bollo di quelli da compito di latino al liceo, e mi sforzerò di pensare ad altro.
Ho altre incombenze prima dell'udienza, l'ho studiata e prepararata a lungo, scritto un verbale di deduzioni fitto e dettagliato, mi è servito per sfogarmi, poi l'ho messo in coda al resto, e ne ho stampato un altro di tre righe.
Niente appigli, non farsi trascinare, non fare il loro gioco.
Tocca a me comparire davanti al giudice, perchè io sono quella che meno cede alle provocazioni, che è più in grado di sorridere ed essere gentile mentre visualizza se stessa trasformarsi in un'erinni che stacca il capo a morsi al collega, quella che sussurra se altri urlano ed infila due parole due, solo quelle, solo se servono davvero, a verbale; io sono quella stronza insomma.
 Ciò non significa che io non sia nervosa, non significa che morirò di freddo finchè non sarà finita, non significa che non sconterò la tensione.
E' così.
Quindi adesso entrerò, passerò dall'entrata VIP, facendo balenare il tesserino e saltando la coda per l'utenza, chiamerò la mia più cara amica, prenderemo un caffè al volo, lei mi darà le istruzioni perchè possa coprirla domani chè la bimba ha una visita medica, incontrerò la praticante e me la porterò appresso  sguinzagliandola per cancellerie.
E poi mi rassegnerò a reggere quel muro al quinto piano finchè non toccherà a noi, chiamata, mi siederò ed insisterò.
Solo quello: "l'avv. Ciacco insiste per la sospensione della provvisoria esecutività del provvedimento opposto"

Fredda, devo essere fredda.
Se si aprono le cateratte finisce in rissa


lunedì 2 dicembre 2013

Prato: "eh ma si sapeva!"

Ora.
E' noto che a me non piace parlare della cronaca nera ed ancora meno mi piace il commento alla cronaca nera.
Commentare morti variamente ammazzati, terremoti, alluvioni, incendi, inquinamenti e calamità, non mi riesce e non mi appartiene. Meglio il silenzio.
Commentare i commenti sulla cronaca nera mi potrebbe riuscire benino, ma in genere mi rifiuto di partecipare alle polemiche, spesso, spessissimo pretestuose ed in mala fede di chi non sapeva, non vedeva, approfittava, si faceva corrompere, gli andava bene così e scopre solo a posteriori lo scempio perpetrato "a sua insaputa" solo quando quello scempio determina un qualche dramma che lo tocca.   
Il fatto è che io sono intimamente cattiva.
E invecchiando peggioro
Mi viene anche lo sdoppiamento della personalità.
Perchè mi spiace e ci soffro.
Ma non riesco a dare tutta la colpa e solo la colpa ad un ente lontano ed estraneo, terzo, a quello Stato che tutti devono variamente fregare, ma che poi tutti doveva tutelare, anche da loro stessi, perchè se no è "assente".
Se ti compri una casa costruita abusivamente sull'alveo di un torrente e poi condonata, per dire, è evidente che c'è stato un amministratore incapace o colluso che non ha svolto bene il suo compito.
Se però, la cittadinanza stessa ha fatto pressione perchè quella casa, quel quartiere, fosse sanato con una dubbia variante, forse anche la cittadinanza deve fare un bel mea culpa.
E così quelli che quelle case se le sono comprate, e poi dicono, stravolti, in TV che bastava un acquazzone per andare sotto.
Eh già.
Se compri tuoi vestiti, le scarpe, gli accessori, i giocattoli o quello che ti pare a pochissimi euro "dai cinesi" davvero pensi che li facciano i buoni folletti di Babbo Natale a costo zero?
Non è nuova la storia che ci sono zone intere di Prato (e non solo e non da oggi) dove migliaia di persone vivono e lavorano a ciclo continuo producendo pronto moda di bassa, bassissima qualità a prezzi bassi, bassissimi.
Non è nuova la notizia che, i capannoni dove lavorano, sono quasi sempre di proprietà di italiani che ottengono canoni assolutamente fuori mercato fingendo di ignorare che quei locali saranno sì laboratori, ma anche camere, cucine, spazi giochi, aree sociali e quant'altro.
Non lo sono le imprese cinesi che nascono e muoiono rapidissimamente, il tempo di emettere fatture, perfettamente regolari ed utili per i grossisti ed i dettaglianti italiani, ma non di registrarle e  versare le imposte.
A volere guardare, non sono una novità nemmeno i sequestri dei capannoni, praticamente giornalieri, che polizia, carabinieri e guardia di finanza, eseguono per tutta la città, nè la mole di processi per sfruttamento dell'immigrazione clandestina.
Quindi: "eh si sapeva" oggi, lo dicono un po' tutti.
Almeno quello, chè di solito, mi pare, nessuno sapeva nulla prima che succedesse la tragedia.
Quindi "si sapeva" e si è fatto ?
Poco, troppo poco, perchè gli accordi col consolato e con l'ambasciata farebbero sorridere se uno ce la facesse.
Poco troppo poco perchè il mercato tira.
Poco troppo poco perchè chi lo fa girare magari si infervora per le tutele che vorrebbe per sè... e perchè i jeans "dei cinesi" costano addirittura 15 Euro, ma scherziamo? 
Poco, troppo poco perchè risolvere certe cose è come svuotare il mare col proverbiale cucchino.
Da tea però
E no, nemmeno i cinesi sono tutti uguali, non tutti lavorano nei capannoni o sfruttano quelli che lo fanno, alcuni hanno manualità, professionalità e capacità che non hanno niente da invidiare ai blasonati artigiani italiani.
Solo che è più facile fare di tutta un'erba un fascio

mercoledì 27 novembre 2013

fortunelli

I nani si sono rotti.
Si sono rotti senza nemmeno la grazia di aspettare ognuno, non dico educatamente il proprio turno, ma almeno che l'altro stesse un pochino meglio.
Si sono rotti di rotture diverse e, in un certo senso, apocalittiche, per cui non c'è nemmeno la consolazione di metterli insieme nella stessa stanza e coccolarli nello stesso modo.
Troppo facile.
Attila si è procurato un'infrazione al malleolo sinistro che gli ha valsa la vittoria nel torneo di salto della scalino indetto nella sua scuola (amore, ascolta mammina, la prossima volta, basta una storta, vinci lo stesso eh) ed un bello stivaletto gessato corredato di scarpona ortopedica e doppie stampelle.
Totila ha invece portato a casa dalla scuola per l'infanzia una bella bronchitona con valori di saturazione dell'ossigeno inferiori a quelli del nonnino. Quindi, al momento anche lui ha il suo bel corredo di pasticche, sciroppi e sospensioni per aereosol.
Uno si dispera perchè deve andare a scuola anche in quelle condizioni.
L'altro perchè non può andarci in quelle condizioni.
Uno dice di non avere niente.
L'altro di stare tanto male.
Per fortuna uno legge all'altro topolino mentre se ne stanno vicini, sdraiati a pancia sotto, sul parquet della loro stanza, interrompendosi ad ogni colpo di tosse.
Noi, sulla porta, li guardiamo, ci guardiamo e ci chiediamo se davvero non ci sia modo di cancellare un giorno dal calendario

giovedì 21 novembre 2013

Facciamo così, al cinema non ci vengo

Il collega perfetto, l'uomo ironia, sta insistendo per organizzare una serata al cinema.
L'idea è quella di parcheggiare i bimbi e concedersi una serata tra adulti.
A dirla tutta la cosa non mi fa impazzire: li lasciamo due, tre volte l'anno al massimo e pensare di farlo per chiudersi al buio, in silenzio, per vedere un film non mi entusiasma.
In più c'è il fatto che la pellicola prescelta è quella, molto in auge, di Checco Zalone e io, confesso, ancora devo vedere "La grande Bellezza" che mi ispira molto di più.
Voglio essere sincera a me Checco Zalone non dispiace, mi fa ridere, quando più e quando meno, ma lo trovo divertente, soprattutto quando copia Vergassola e rifa i testi delle canzoni famose o quando imita Vendola.

Per una serata senza pensieri può andare bene.
E quindi la mia perplessità sta tutta e solo nel giocarsi un'uscita tra adulti delle pochissime che ci concediamo per andare il cinema a vedere una cosa che mi interessa il giusto, ad esagerare.
Quello che mi scoccia è che, pare, non si possa dire che non si ha voglia di vedere "sole a catinelle" senza essere tacciati di snobbismo, radical chicchismo, vetero comunismo spocchiosetto e simili.
La morale è più o meno quella secondo la quale, se non ti interessa, non ti è piaciuto, non trovi divertente il comico, sei uno che opera una distinzione apodittica tra cultura e robaccia, non capisci il pop, odi Totò, Sordi e pure Fantozzi ( Fantozzi in effetti mi fa orrore, questo è vero, lo trovo tristissimo).
Ma di preciso che c'entra?
No, parliamone!
E' la stessa storia con Volo, Moccia e gente simile, persone che hanno un grande riscontro di pubblico, ma non questi contenuti così profondi, uno stile così interessante o una poetica degna di approfondimenti.
Mi pare di averlo già detto: amo i gialli, leggo di tutto da Camilleri alla Cornwell, dalla Christie alla Giménez-Bartlett, da Doody a Vargas e chi più ne ha più ne metta.
Ma non mi farete dire, nemmeno sotto tortura che quei libri sono paragonabili al mio personale feticcio (le memorie di Adriano), una cosa qualsiasi di Tolstoj, all'Orlando della Woolf, al Giardino dei Finzi Contini, a Pastorale Americana, al Vangelo secondo Gesù Cristo, al Maestro e Margherita, ai Buddenbrook e i Vicerè (da leggere rigorosamente uno dopo l'altro, l'ordine non importa), a Sostiene Pereira e a mille e mille altri testi.

Non me lo farete dire, perchè non è vero.
Se non sapete perchè, significa che non li avete mai letti
E' come lamentarsi perchè la squadra di calcio del pargolo non è considerata degna della nazionale brasiliana.
Giocano tutti a pallone, è vero, ma poi?
Ecco il punto è questo, i piani sono diversi e restano diversi, niente impedisce però che uno si diverta da matti a vedere correre 11 ragazzini su un campo spelacchiato e si annoi a morte alla vista dei verde oro.
A me per dire, danno la narcolessia entrambi.
Qual è il problema?
Il problema è che si deve attribuire ad un prodotto, qualunque esso sia, una patina di rispettabilità, di aulicità che si pensa non abbia.
E lo si fa sputando sopra a ciò che si pensa ce l'abbia davvero.
Non si potrebbe semplicemente accettare che ci sono opere divertenti, interessanti, piacevoli, fate voi, costruite apposta per essere solo quello e non volerle necessariamente innalzare a chissà quale Olimpo?  
Olimpo che magari non meritano ed al quale forse, nemmeno ambiscono?

mercoledì 20 novembre 2013

E vai con l'hip hop

Riunione a scuola di Attila:
mio marito, io, la vecchia maestra, la maestra vecchia e l'insegnante di sostegno.
Tutto bene, tutto bello, fantasia, creatività, intelligenza, arguzia, capacità, vivacità...io guardo la maestra vecchia che i più descrivono come una straga (mia mamma inclusa), lei guarda me, attacco: "scrive malissimo in corsivo",
replica: "lo so",
penso: "vorrei vedere",
prosegue: "il fatto è che suo figlio non ha manualità fine, ma fa pochi errori sa? e poi, in effetti, tanto si scrive a mano sempre meno, potreste fargli usare il computer"
penso: "scherza? mi ha preso per la mamma di un wannabe tronista forever?"
dico: "ha ragione, ma sa meglio di me che sapere scrivere non ha solo a che fare con la bella calligrafia e comunque deve imparare a farlo in modo comprensibile, poi, può anche dimenticare come è fatta una penna"
Mi riguarda, sorride e: "posso darle delle schede di rinforzo o, magari, gli detti lei una frasina ogni sera, compatibilmente col lavoro" lo dice quasi con imbarazzo e infatti aggiunge "so che però i compiti a casa possono essere un problema quindi....".
"Quindi facciamo una o due frasi la sera, se crede che non disturbi la didattica"
"Si, però vede, mi chiedevo, Attila fa sport?"
E io "nuoto, ma vorrebbe fare anche karatè"- ometto che lui e Totila mi massacrano da mesi per essere iscritti a karatè-spacca-bambini per ovvie ragioni
"Avete considerato un sport di squadra? vede suo figlio è molto teso quando scrive, è consapevole di avere delle difficoltà e questa consapevolezza lo trattiene e la aggrava, ha una grande ansia da prestazione (di già?) è molto rigido e severo con se stesso, magari fare parte di un gruppo lo aiuterebbe"
"Sarò sincera" ammetto: "ho sempre immaginato un bimbo che fa sport di squadra come un ragazzo inserito in un contesto molto competitivo e un filino aggressivo, simile a quello delle squadre/scuole di calcio, e non lo ritengo un posto adatto a mio figlio (a me, non ne parliamo)"
Sorride ancora, anzi, secondo me le viene da ridere e mi fa: "be' allora c'è l'hip hop"

martedì 19 novembre 2013

Casa, arrivano i primi veri progetti

E così, dopo le discussioni e gli incontri con l'amministrazione, dopo gli esposti al difensore civico, dopo i pareri legali e gli accertamenti tecnici, finalmente ci siamo.
Al solito, la montagna ha partorito un topolino, ma questo noi lo sapevamo fin dall'inizio e infatti non abbiamo mai chiesto altro che di poter realizzare una stanza in più.
Col tempo e con le discussioni, però, questa stanza che nelle idee iniziali doveva essere un parallelepipedo appiccicato al cubo che già c'era, è diventata un entità fluida, oggetto di sogni e voli pindarici.
Non solo, col tempo e con la necessità di fronteggiare i problemi burocratici, ci siamo accorti di avere molte possibilità.
Tipo che possiamo avere una loggia, che abbiamo diritto ad un vano tecnico per la caldaia, le strumentazioni del solare e del fotovoltaico e per la cisterna per la raccolta delle acque piovane.
Insomma, per una volta, la lentezza e le difficoltà burocratiche sono state utili e ci hanno aperto un mondo.     
Certo ora ci sarà da presentare il progetto e ottenere l'approvazione, ma intanto qualcosa si muove.
E si muove così bene che ieri abbiamo discusso le prime proposte dell'architetto.
Se la cosa va in porto, ottimizziamo gli spazi, ristrutturiamo il piccolo annesso e, in pratica, costruendo pochissimo,  stravolgiamo tutto.
Come piace a me.
L'unica cosa che mi spiace è che ho dovuto rinunciare all'idea della stanza vetrata aperta sulla campagna, ma pazienza, mi godrò comunque una zona giorno in cui nessuna parete sarà senza finestre.
E mia madre, impazzirà

lunedì 18 novembre 2013

Sulla responsabilità civile dei magistrati

Oggi, mentre guidavo per venire al lavoro ho seguito la mia routine abituale e, nella mezz'ora abbondante che mi aspetta dal deposito dei pargoli all'ingresso dello studio, ho ascoltato radio 24.
Parlavano della responsabilità civile dei magistrati.
Insomma, parlavano del sesso degli angeli, chè le condanne al risarcimento dei danni causati da un magistrato italiano nell'esercizio delle sue funzioni sono più rare della fusione atomica a freddo.
I nostri giudici?
Bravissimi.
La procedura di infrazione europea? 
Quella?
Può avere solo due cause:
- per qualcuno è legata al fatto, udite udite, che i nostri magistrati, a causa della politica, non sono messi in condizione di lavorare su un corpus normativo ben armonizzato.
(ssscccc...non lo dite a nessuno che i regolamenti sono direttamente applicabili e persino le direttive possono esserlo, a certe condizioni....) 
E comunque riguarda solo un ambito ben definito e circoscritto
(sssccccc non vorrete che tutti scoprano che la Corte di Giustizia parla della normativa comunitaria, perchè solo su quella ha giurisdizione, ma, nel farlo tocca proprio il cuore della disciplina cioè le ipotesi in cui il magistrato è responsabile, o meglio, quelle in cui non lo è)
 - par altri, che ve lo dico a fare? è perchè sono dei criticoni, gelosoni, a cui stanno antipatiche le bellissime cravatte dei nostri travet o le cordoniere ed i sottogola che abbiniamo alle toghe.
 Ora, voglio essere pedante, tanto non annoio nessuno.
In Italia la responsabilità civile dei magistrati era regolata da una legge praticamente inutile.
Quando dico praticamente intendo proprio quello che scrivo: era inutile nella pratica perchè prevedeva una disciplina che negava la responsabilità che affermava. Non c'era verso, potevi fare la qualunque, tanto non avresti mai avuto i requisiti per subire una condanna.
Attenzione, stiamo parlando di responsabilità CIVILE, cioè del fatto che chi è stato danneggiato dalla condotta del giudice possa ottenere il risarcimento dei danni subiti.
Esattamente come fa il paziente straziato dal medico della ASL, per fare un esempio semplice semplice.
Altra cosa è la responsabilità disciplinare o l'erariale, altra ancora quella penale.
Nel 1987, dopo una campagna referendaria che si potrebbe definire incredibile (se non fosse che siamo in Italia) a cui mi piace ricordare che prese parte anche Enzo Tortora (quello vero), gli italiani decisero che, insomma, spremendosi le meningi, si poteva fare di meglio.
Ora, per potere, si poteva, abbiamo pur sempre un sistema meraviglioso, completo, complesso , duttile e giunto ad un livello di speculazione teorica raffinatissimo e demolirlo, anche con tutti i nostri sforzi (che pure non risparmiamo, sia chiaro) non è affatto semplice nè veloce.
Quindi, mettere giù due righe che suonassero un po' come quelle previste per la responsabilità di ogni prestatore di opera intellettuale e due cautele in più, non era impossibile
 Bastava volere.
Bel tema quello della volontà, mi ha sempre affascinato.
Lo faccio  breve, però, non vollero.
Ma proprio per niente, nemmeno un pochino, nemmeno un contentino.
Nulla.
Intanto il magistrato risponde solo per dolo, colpa grave o diniego di giustizia.
Il dolo è tanto facile da capire quanto raro (per fortuna) da vedere.
La colpa grave è il vero punto dolente perchè, secondo la legge, i casi in cui si può concretizzare sono tassativi.
Ricorre solo  se vi è violazione di legge dovuta a negligenza inescusabile (tipo che non applico il principio di uguaglianza perchè non lo conosco) o se viene affermato (o negato) sempre per negligenza inescusabile, un fatto la cui inesistenza (o esistenza) risulta in modo incontrovertibile dalle risultanza processuali  (tipo che affermo che Tizio ha ucciso Caio quando risulta provato in modo certo che quel giorno a quell'ora Tizio era già morto)
Ora non è che queste ipotesi non vadano bene. E' che sono un po' pochine.
Una normativa un po' troppo restrittiva ecco, diciamo così.
E non è tutto.
La legge prevede anche che un magistrato non può essere soggetto a responsabilità civile per la sua
attivita' di interpretazione di  norme  di  diritto ne' di valutazione del fatto e delle prove.
Ora sulla vlautazione del fatto e delle prove, entro certi limiti si può discutere, perchè in effetti si possono immaginare liti pretestuose e volte a screditare, danneggiare, intimorire il giudice.
Ma se un giudice non può essere soggetto a responsabilità per l'interpretazione e l'applicazione delle norme, per cosa può?
Torniamo al medico: se riportiamo questa previsione normativa in "medichese" avremo che un medico non è responsabile per gli errori che fa nel leggere e valutare le risultanze degli esami clinici o di quelli obiettivi.
Umphf
Sulla procedura prevista poi, per chiederla la condanna del magistrato e dil conseguente risarciemtno, stenderei un velo pietoso.
Diciamo solo che Bisanzio abita qua, ma ci è arrivato passando per il barocco e prendendo a modello Kafka.
E infatti...
E infatti dal 1988, anno di entrata in vigore della legge Vassalli, indovinate un po' quanti magistrati sono stati riconosciuti responsabili civilmente per dolo, colpa grave o diniego di giustizia?
4
Si, proprio quattro.
Io però ho dovuto fare appello ad una sentenza che pronunciava la divisone di un'eredità contesa perchè il giudice, ha reso si una sentenza ineccepibile nel merito, ma inutile, perchè non trascrivibile.
Quando ci ho parlato, mi ha detto: "avvocato cosa vuole? Io posso dividere per cespiti (i figli/nipoti/eredi di...)"
E io "si dottoressa, ma se lei mi divide per cespiti e non per capi (Tizio, Caio; Sempronio) il titolo non porta i nomi dei soggetti beneficiari e non possiamo ottenerne la trascrizione, insomma i beneficiari non possono intestarsi le case "
" ah be' ma è un problema suo!"
  Ahi serva Italia, di dolore ostello, non donna di province, ma bordello!


giovedì 14 novembre 2013

Tirocinio, il mio e il tuo

Ab ovo ...
Qualche anno fa, insieme a Cicerone ed a Gorgia da Lentini, freschi di laurea come me, decisi di provare a fare il tirocinio forense.
Uscii dall'università con la testa ben infarcita di nozioni, di ardite elucubrazioni, di teorie, insomma di tutto ciò che è indispensabile sapere e fondamentale dimenticare ed andai incontro al mondo.
Avevo guardato, è vero, un po' troppi telefilm americani del genere giudiziario, ma avevo potenti anticorpi che un po' mi avrebbero aiutato.
Primo, i telefilm dell'epoca erano roba tipo Perry Mason, il tenente Colombo, Andy Mc Beal, ed il mitico e mai superato Law and Order; psichiatri forensi, medici legali, scienziati forensi, Nembo Kid e Paperinik non erano ancora pervenuti, e comunque io avevo ben chiaro in mente che volevo, caso mai, diventare un avvocato civilista (accidenti a me, chè i penalisti, ho scoperto poi, si divertono molto di più).
Secondo, sono cresciuta con un babbo che, alla vista di ogni scena riguardante un consulto medico in qualsiasi film o telefilm, scuoteva la testa e non poteva esimersi da critiche feroci.
Per capirsi, non ho mai potuto amare nessun attore dotato di camice bianco dal dottor Kildere in giù  e vi risparmio i commenti sul ER e Dottor House.
Diciamo che avevo bene in mente la distinzione tra: fiction e vita vera.
All'epoca, la pratica durava non meno di due anni, spesso di più, perchè l'esame di abilitazione era a dicembre e quindi se ti laureavi a gennaio, saltavi un turno subito e ripartivi con comodo dal via.
La mia fu equamente divisa a metà.
Il primo periodo lo trascorsi con un dominus giovane e rampante in uno studio in cui si occupavano quasi esclusivamente di ogni tipo di risarcimento dei danni, da quelli medici a quelli conseguenti agli incidenti stradali.
A Firenze, in gergo, si dice che facevamo "parafango".
All'epoca lo facevano in tanti e rendeva bene.
Aveva i suoi vantaggi: mi pagavano con una percentuale sulle pratiche che seguivo e riuscivo a portare a casa, mensilmente, una somma che per me era iperbolica, lavoravo molto e molto in autonomia ed ero sempre nell'arena dal momento che i titolari dello studio preferivano occuparsi della gestione dei clienti e dei rapporti con i funzionari che frequentare il foro.
Certo non c'erano orari, non c'erano garanzie e non c'erano mansioni che potevo rifiutare: a me toccava anche la cancelleria, a me la posta, mia era la frequentazione degli uffici pubblici e mie le trasferte meno piacevoli da effettuarsi di preferenza di sabato chè gli altri giorni c'era da lavorare.
 Ho imparato molto in quell'anno, ho visto e fatto tanto e mi sono fatta un'idea molto precisa su come non volevo fare l'avvocato io.
Il secondo invece, lo trascorsi nello studio di una domina, in un ambiente molto diverso, più pacato e paludato; ci occupavamo di preferenza di diritti reali e contratti, si poteva imparare molto, sulla carta, ma di fatto, non era possibile fare niente, mi venivano affidate solo ricerche e pareri preparatori, non vedevo i clienti, non facevo udienze, non partecipavo davvero alla stesura degli atti.
Facevo la bella statuina e la dama di compagnia, gratis et amore Dei, oltretutto.

Insomma il periodo del mio tirocinio porta in sè i due casi limite in cui possono incappare i neo laureati che cerchino di avvicinarsi alla professione forense.
Due estremi che portano inevitabilmente allo stesso risultato: un fallimento clamoroso, una sberla colossale, una bocciatura preannunciata e meritata.
....Usque ad mala
Cicero e Gorgia hanno fatto la carriera e la fine che hanno fatto, ma io sono ancora qui.
E mi dibatto sempre più nello spinoso problema praticanti.
Non volevamo nessuno all'inizio, poi siamo diventati più possibilisti con i collaboratori secondo l'assunto (sbagliatissimo) che se uno è già abilitato, un'idea di come gira il mondo deve esseresela fatta, poi siamo passati aocnsiderare anche i tirocinanti.
Però: sono abbastanza tronfia e piena di me da non desiderare che qualcuno impari la sua professione a contrariis girandomi intorno, credo che il lavoro anche quello poco più che inutile debba essere remunerato, ma sono anche convinta che, chi si affaccia ad una professione liberale, ad un lavoro autonomo, non debba potere contare su un introito fisso, perchè probabilmente non ce lo avrà.
In questi anni abbiamo visto molti tirocinati, abbiamo fatto dei colloqui e abbiamo preso qualcuno.
E' certo che questo lavoro non è per tutti, ma del resto temo che quat'affermazione possa valere per tutte le professioni
E' certo che c'è gente che, se potesse, chiederebbe a qualcunaltro di respirare per lei.
E' certo che la volontà può molto, ma non tutto, così come il talento.

Però è vero che aver intorno uno curioso e interessato vale molto di più di qualche centinaio di convegni di aggiornamento