lunedì 18 maggio 2015

E ti guardo (nuovo ma vecchio, sperando di non perderlo come tutto il resto del vecchio blog)



E ti guardo

Ti guardo e ti vedo più bello.
Il tempo è stato gentile, ma c’era da aspettarselo.
Io, per dire, lo sapevo che saresti stato meglio a 45 che a 25.
Sapevo anche che a 15 dovevi essere un disastro e lo sapevo prima di vedere quelle foto, quelle che, se non fosse per la tenerezza, andrebbero bruciate.
Lo sapevo perchè siamo fatti della stessa pasta e senza tutte le stronzate
sulle anime gemelle a cui non credo, a cui non credi e a cui quelli come noi
devono essere ubriachi forte per credere.
Non sto dicendo che sia un bene, sto dicendo che è così.
Noi non siamo quelli delle carrozze con i cavalli, bianchi poi, chè
diciamocelo quanti mai dovrebbero essere ‘sti cavalli tutti bianchi e del tipo
idoneo a trainare carrozze, per soddisfare la bisogna?
Troppi, decisamente, troppi.
Noi siamo quelli che si scelgono tutti i giorni, ma davvero e non per posa,
chè a volte me lo chiedo mille volte, in un giorno, se ne vale sempre la pena o se è mai valsa.
Siamo quelli che si guardano sempre: brutti da fare paura, come capita mentre partoriscono o dopo un esame disgustoso ed invasivo e si vedono brutti, chè brutti sono e dire il contrario sarebbe mentire.
Si guardano ed a volte si vedono belli, come sei stasera, per dire, con i
capelli brizzolati, ma abbastanza lunghi per arricciarsi, con la camicia bianca
aperta, la cravatta in tasca, le maniche arrotolate e la faccia tirata-da-
mestiere-di-merda-voglio-andare-dai-bambini-ma-prima-vieni-qui-e-chiudi-la-
porta.
Noi siamo quelli che si sono piaciuti e si piacciono “senza testa”, prima
della testa, ed è bene così, perchè in fondo io a quelli la cui pelle non
parlava alla mia non ho mai nemmeno dato una chanche.
Siamo però anche quelli le cui teste si sono riconosciute subito e sì che su
tanti argomenti partivano da presupposti tanto lontani e su tanti rimaniamo
lontani, perchè io sono io e tu sei tu e il noi, al limite è la sintesi, o il
compromesso, se serve.
Ragionare no, comunque, abbiamo sempre ragionato nello stesso modo, anche se io non ho fatto il classico e tu non sai risolvere un’equazione, anche se tu sai essere iracondo ed io fredda, io accogliente e tu spietato, perfezionisti o cialtroni a giorni alterni, curiosi sempre e mai, volontariamente almeno, superficiali nella “raccolta dei dati”.
E’ un sacco di tempo che ci guardiamo lo sai?
Fammi un piacere, non distogliere lo sguardo, ancora per un po’ almeno

Nessun commento:

Posta un commento